Facebook Twitter Trip advisor Google Pinterest Instagram
Sweet Hotel

Territorio

Le mura medievali di Marostica si vedono già da alcuni chilometri di distanza: sono loro a darvi il benvenuto in questa bellissima cittadina adagiata sulla fascia pedemontana che si estende dall'Astico al Brenta.

 

Nelle miti colline che l’abbracciano ancora oggi si coltivano il ciliegio, la vite e l'olivo. La storia ci racconta che furono gli Scaligeri, signori di Verona, a dare a Marostica l’aspetto di città medievale fortificata che ancora oggi possiamo ammirare.

 

Dunque sono le mura ad invitarvi ad entrare nella magia di Marostica: costeggiandole, vi mostreranno la porta d’entrata della città. Vi basterà alzare lo sguardo per scorgere, a pochi metri, la piazza degli scacchi composta da marmi di due colori diversi per rappresentare proprio una gigantesca scacchiera.

 

Qui, in questa piazza, si svolge ogni due anni la famosissima partita con 500 figuranti in costumi tipici medievali che costituiscono i “pezzi” di una scacchiera vivente. Questa tradizione risale al 1454 quando due nobili, Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara, si sfidarono in una partita a scacchi per decidere chi avrebbe avuto la mano della principessa Lionora (se siete curiosi, approfondite qui: Marostica Scacchi).

 

Marostica vanta ben due castelli: dal Castello Superiore partono le due muraglie fortificate che, abbracciando tutto il nucleo storico, si incontrano nel Castello Inferiore.

 

Un grande abbraccio che sembra davvero custodire questo piccolo gioiello Veneto.

 

Un bellissimo sentiero, “la passeggiata dei Carmini”, vi condurrà dal Castello Inferiore a quello Superiore (se avete voglia di percorrerlo, non dimenticatevi le scarpe da ginnastica!).

visualizza Marostica sulla mappa >